Nota: questo comunicato è stato inviato a `L’Adige’ il 22 febbraio. Ad oggi, 25 febbraio, non ci risulta che sia stato pubblicato.

Il 18 febbraio, il sindaco Franco Ianeselli e l’assessore Ezio Facchin hanno esposto il loro punto di vista riguardo al TAV/AC del corridoio del Brennero. Se «l’intenzione è quella di coinvolgere poi i residenti», una diretta YouTube senza contraddittorio ci pare quanto meno tardiva e inadeguata.

Negli ultimi mesi il sindaco ci ha abituati al suo piglio decisionista, spesso irriguardevole nei confronti delle istanze di chi abita, vive e rende viva la città. Il mantra del “fare” ha oscurato il cosa fare, e le deleghe a Ezio Facchin in materia di transizione ecologica, mobilità, partecipazione e beni comuni non sono altro che un’abdicazione della politica alla tecnica, precursore di ciò che sarebbe avvenuto di lì a poco a livello nazionale.

Condividiamo le riflessioni del Circolo di Trento di Legambiente riguardo all’opera e pretendiamo trasparenza e coinvolgimento vero da parte dell’amministrazione comunale. Coinvolgimento che vuol dire offrire delle alternative reali, sotto forma di diversi tracciati e senza ignorare l’opzione zero di mantenere lo stato corrente.

E se il TAV/AC è ancora ai primi stadi progettuali, sta già arrecando gravi disagi alla popolazione: da settimane l’area interessata dai sondaggi geognostici lungo via dei Valoni è militarizzata, con numerose pattuglie delle forze dell’ordine che non fanno entrare nemmeno i giornalisti. Ricordiamo che via dei Valoni è l’unico collegamento sicuro per chi si sposta a piedi o in bicicletta tra Mesiano e Povo; se non si è badato a spese per “proteggere” la trivella, la stessa attenzione non è evidentemente stata data alle decine di persone costrette a percorrere via Mesiano, con ampi tratti completamente al buio e senza marciapiedi.

Ci chiediamo se questa amministrazione, espressa dalle stesse parti politiche che pochi mesi fa hanno votato in sede di Consiglio Comunale la Dichiarazione di Emergenza Climatica, e che oggi sta costruendo freneticamente parcheggi per le automobili e pianificando grandi opere, abbia veramente capito il significato di quella mozione.

Jacopo Nespolo e Daniele Pizzolli



In copertina: schema della circonvallazione ferroviaria in progetto, dettaglio dal webinar.